Programma 2016


Giovedì 18 agosto 2016

Ensemble “Dodecacellos”, Tutti i colori del sud

dodecacellus

Musicisti:
Arianna Menesini – violoncello solista

Luca Moretti – percussioni
Giuseppe Canone – sax, clarinetto, fisarmonica
Andrea Albertini – pianoforte e direzione

Programma:
Bolero (M.Ravel) Summertime (G.Gershwin) Blues (G.Gershwin) Mambo (Kaiser-Linderman) Jamaican Rumba (A.Benjamin) Bachianas Brasileira (H.Villa Lobos) Sholem-Alechem (B.Kovacs) Youkali (K.Weill) Il Postino (L.Bacalov) Adiso Nonino (A.Piazzolla) Ave Maria (A.Piazzolla) Fantasia Piazzolla (A.Piazzolla)

La neonata formazione da camera , che ha avuto il suo debutto nell’aprile del 2010 per la serata conclusiva di “Perosiana” festival di musica sacra, insieme al grande attore Ugo Pagliai. L’idea del direttore è quella di creare un gruppo che diffonda la musica “colta” strumentale attraverso trascrizioni da lui stesso effettuate per il più affascinante tra gli strumenti ad arco. Il repertorio abbraccia tutta la storia della musica. Si parte infatti dal binomio barocco Bach – Haendel, per passare attraverso indimenticati romantici, come Mascagni e SaintSaens. Per giungere infine alla musica dei nostri tempi, con particolare attenzione per il repertorio scritto per la settima arte: Rota, Piazzolla,, Morricone, Mancini… Il gruppo si avvale della collaborazione solistica della violoncellista Arianna Menesini, solista dei Rondò Veneziano. Recentemente ha concluso il festival internazionale di musica da film “A.F.Lavagnino”esibendosi insieme alla coppia di attori Ugo Pagliai e Paola Gassman. E’ con l’originale rappresentazione sacra “Passio Christi Passio Hominis” (musica,immagini e poesia) ideata dal M° Alberini, che il gruppo si è esibito nelle maggiori cattedrali del nord Italia quali Tortona,Voghera,Biella, basilica di san Prospero a Reggio Emilia, chiesa della “Commenda”di Genova . Recentemente hanno realizzato lo spettacolo “Omaggio a Giovanni Paolo II” in occasione della sua Beatificazione, eseguendo, inoltre, il brano Viandante, composto e dedicato espressamente al gruppo dal compositore M° F. Ermirio. La collaborazione con il Conservatorio “A.Vivaldi” di Alessandria ha portato alla diffusione di questa particolare proposta musicale che è culminata nella registrazione di un inedito CD con trascrizioni originali del Maestro Albertini, trascrizioni che si avvalgono dei soli violoncelli in partitura, utilizzati anche come strumenti a percussione. Grande successo è stato ottenuto nel corso del Festival di Cervo 2015.


Giovedì 25 agosto 2016

Alberto Casadei al violoncello
Roberto Paruzzo al pianoforte

Alberto-300x199paruzzo

Programma:

R. Schumann,  Phantasiestücke, op. 73 Zart und mit Ausdruck Lebhaft, leicht Rasch, mit Feuer Fünf Stücke im Volkston, op. 102 Mit humor Langsam Nicht schnell, mit viel Ton zu spielen Nicht zu rasch Stark and markirt

J.Brahms, Sonata n. 2 in fa maggiore, op. 99 Allegro vivace Adagio affettuoso Allegro passionato e Trio Allegro molto

Alberto Casadei nasce a Rimini nel 1987. Avviato allo studio del violoncello dal padre Claudio Casadei, a soli cinque anni partecipa al suo primo Concorso Nazionale e consegue il primo premio assoluto. Si diploma presso il Conservatorio “G. Rossini” di Pesaro con il massimo dei voti, la lode e menzione speciale.In seguito studia sotto la guida di David Geringas presso la Scuola di Musica di Fiesole (2001), Franco Maggio Ormenzosky (2003-2004), Natalia Gutman presso la Scuola di Musica di Fiesole (2006-2010), Gary Hoffman presso la Scuola di Musica di Fiesole (2008-2009), Boris Baraz presso l’Accademia Santa Cecilia di Bergamo (2008-2011), Rocco Filippini presso l’Accademia Stauffer di Cremona (2010-2012) e musica da camera con Konstantin Bogino presso l’Accademia di Imola “Incontri col Maestro” (2009-2011). È vincitore di numerosi Concorsi Internazionali, tra i quali, London Grand Prize Virtuoso – UK (2015), Astor Piazzolla “Libertango” Competition – Russia (2008), Antonio Janigro Cello Competition – Croazia (2002). Parallelamente all’attività solistica, ha collaborato in qualità di primo violoncello con l’Orchestra Arena di Verona (2014), l’Orchestra Uto Ughi per Roma (2012), l’Orchestra I Filarmonici di Roma (2011-2012) e l’Orchestra Mozart (Claudio Abbado) in Bologna (2004-2006). Suona un violoncello Domenico Rogieri del 1698 appartenuto a Pablo Casals.

Roberto Paruzzo. Nato a Milano, compie i suoi studi di Pianoforte e Composizione al Conservatorio “G Verdi” diplomandosi con il massimo dei voti, lode e menzione “ad homorem” sotto la guida di Paolo Bordoni, Successivamente si perfeziona dieci anni con Franco Gei, allievo di Arturo Benedetti Michelangeli. Vincitore di numerosi concorsi pianistici: Osimo, “Città di Albenga”, Mantova, Genova, Stresa, Monza e Venezia (premio speciale “Premio Venezia 1992”). In qualità di solista ha tenuto concerti in alcuni tra i più importanti teatri italiani ed esteri: Gran Teatro La Fenice e Goldoni di Venezia, Bibiena di Mantova, Donizetti di Bergamo, Auditorium Haydn di Bolzano, Teatro Sociale di Trento, Volkahaus di Zurigo, Theater National di Berna, Hebbel-Theatre di Berlino, Teatro di Instanbul, St. Michaelis di Amburgo, Duke’s Hall di Londra, ecc…Lusinghiere sono state le critiche (Corriere della Sera, Il Giornale e La Stampa) “…Paruzzo ha rivelato straordinarie doti interpretative tutte sorrette da un suono pianistico e da una sensibilità musicale non comune”. Dal 2007 collabora con Francesco De Angelis, Konzertmeister del Teatro alla Scala, con il quale si è esibito in Europa e Sud America partecipando anche ad importanti trasmissioni televisive e radiofoniche. Di recente pubblicazione ricordiamo i due CD per la rivista musicale Amadeus con i solisti del Teatro alla Scala e le registrazioni alla NDR di Amburgo edite dalla casa editrice tedesca Ambitus. Ha inoltre registrato per la RAI, LA7, RTSI, SKY e per l’etichetta discografica Concerto. Recentemente è stato invitato come docente a São Paulo (Brasile) in occasione del “Festival Internacional de Mùsica Erudita”; si è inoltre esibito al São Paulo Museum of Art (produzione Art Invest). Già docente di pianoforte principale presso i conservatori di Ferrara, Campobasso e Potenza, attualmente insegna all’Istituto Superiore di Studi Musicali “F.Vittadini” di Pavia e alla 54ª Academie de Musique “Tibor Varga” di Sion.


Sabato 3 settembre 2016

I Cameristi  del Verbano

cameristi.jpg

Musicisti:
Alessandro Mancuso – violino
Rodolfo Girelli – violino
Stefano Grossi – violino
Chiara del Turco – violino
Fabio Storino – violoncello

Programma:
A.Vivaldi Concerto in la magg. con violino principale et altro violino per eco in lontano F.I n.139
J.S.Bach Concerto in mi magg. per violino archi e b.c. BWV 1042
A.Vivaldi Concerto in fa magg. per quattro violini violoncello archi e cembalo F.IV n.9
J.S.Bach Concerto in re min. per due violini archi e b.c. BWV 1043
A.Vivaldi Concerto in si min. per quattro violini violoncello archi e cembalo F.IV n.10 

Il complesso d’archi “I Cameristi del Verbano “ si costituisce agli inizi degli anni ottanta per volontà di un gruppo di musicisti legati da vincoli di amicizia e da comuni interessi musicali. Nata come orchestra da camera in seguito la formazione si è via via modificata a seconda delle esigenze diventando un gruppo duttile che esegue un repertorio che va dal barocco ai giorni nostri. I suoi componenti hanno maturato esperienze individuali, anche in veste solistica in importanti formazioni cameristiche quali: I Solisti Veneti, Orchestra del Festival Internazionale di Brescia e Bergamo, I Cameristi Lombardi. La loro esperienza si è completata nelle istituzioni LiricoSinfoniche quali: Orchestra del Teatro alla Scala, Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, Teatro Regio,Orchestra della Svizzera Italiana dove hanno avuto ed hanno avuto l’opportunità di collaborare con direttori quali: C.Abbado, Chailly, Bertini, Bychkov, Gavazzeni, Gergiev, Giulini, Chung, Mazel, Matacič, Metha, Prêtre, Rozhde stvensky, Sawallisch, Sinopoli, Tate ecc.


Sabato 10 settembre 2016

Cappella Musicale Bartolomeo della Rovere della Cattedrale di Savona

cattedrale-savona-198905.660x368.jpg

Musicisti:
Silvia Badano – soprano
Guido Ripoli – controtenore
Mattia Pelosi – tenore
Salvatore Salonio – basso
Paolo Venturino – pianoforte e direzione

Programma:
G. Faurè, Requiem
W.A. Mozart,  Messa per l’incoronazione Kv317

La Cattedrale di Savona possiede un servizio musicale dal medioevo. Il 31 marzo 1528, al fine di rendere tale servizio più stabile e qualificato, Bartolomeo Della Rovere, cugino acquisito e fedelissimo collaboratore di Giulio II, istituì a Savona la Cappella Musicale che porta il suo nome, come avvenne a Roma dove nacquero, per volontà dei due Papi savonesi suoi familiari, i celebri cori conosciuti come Cappella Sistina (1473 – ancora oggi al servizio del Papa) e Cappella Giulia (1480 – riformato nel 1512). Dopo la sua fondazione, che ha interessato maestri e organisti di provenienza franco – fiamminga, la Cappella Musicale ha continuato ininterrottamente il suo servizio dapprima nella Cattedrale del Priamar, poi nell’attuale, comprendendo anche il settore orchestrale, e annoverando tra i suoi direttori e organisti personalità di grande importanza, come il veronese Vincenzo Ruffo (uno dei principali protagonisti della riforma musicale del Concilio di Trento), il lucchese G. Lorenzo Mariani, Luigi Lamberti, Antonio Forzano ed altre personalità musicali provenienti da varie zone del nord Italia. Dopo le riforme liturgiche del 1903, che ne eliminarono gli orchestrali, il coro è stato ampliato e consolidato dai maestri Attilio Acquarone, Renzo Tassinari ed Enzo Venturino. Oltre al secolare servizio alla Cattedrale, e ai numerosi concerti, la Cappella ha partecipato a rassegne, convegni e concorsi, classificandosi 2° assoluto e 1° dei cori italiani al prestigioso concorso internazionale “Guido d’Arezzo” nel 1954. Negli stessi anni ha rappresentato l’Italia nel Convegno Internazionale di musica sacra al Musikverein di Vienna e per due edizioni al Festival di Llangollen (Galles). Ha tenuto concerti in Italia, Francia e Olanda. Dal 1999 ha collaborato con l’Orchestra Sinfonica di Savona, realizzando nel 2000 l’esecuzione del Requiem Kv 626 di W.A. Mozart, per la prestigiosa direzione di Massimo De Bernart, con registrazione digitale dal vivo. Nel 2001 ha realizzato, con lo stesso direttore, l’incisione dal vivo della “Missa in tempore belli” di F. J. Haydn. Dalle sue attività, dal 2002 è sorto il Coro dell’Orchestra Sinfonica di Savona, allestendo numerose e prestigiose esecuzioni con importanti direttori d’orchestra in Italia e all’estero.


Sabato 17 settembre 2016

Classi di Musica da Camera del Conservatorio Niccolò Paganini di Genova
pagacpaga
Musicisti:
Alberto Bonifazio – pianoforte
Lana Gasparyan – violino
Carola Puppo – violoncello
Matteo Provendola – pianoforte
Valeria Trofa – oboe
Francesco Salvestri – clarinetto
Filippo Cainero – corno
Michela Bozzano – fagotto


Programma:
L.v. Beethoven Quintetto per pianoforte, oboe, clarinetto, corno e fagotto in Mi bem, op. 16
F. Mendelssohn Piano Trio n.1 in Re minore Bartholdy op. 49 


Sponsor dell’edizione 2016

Fondazione De Mari,  Rotary di Savona, Cà dei Brusco, Cooperativa Agricola La Perla, Bar Macciò, Bar Gina, Panificio Pasticceria Le Tre Torri, La Cantina dei Frati, Macelleria Salumeria Giacobbe, Pasticceria Artigianale Garibaldi, Patti e Fady Ferramenta, Annamaria Rossi Abbigliamento, Hotel Pian del Sole, Palazzo Salsole, Arcadia Immobiliare, Ristorante San Giovanni, Agriturismo Romano, Pizza e Fichi, Carrefour, Dabove Bibite, Non solo funghi, Bar Iole, Agenzia Romano, La Sorba Agriturismo, Falegnameria Daï Bancaë, CartonPRO, Carlo Pastafresca, Enrico Rossi materiali edili, B&B Le Radici, Il Fruttivendolo, Nadia Immobiliare.